Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Intestazione navigazione sito

Spazi d'artista: la nuova web serie dedicata alla Collezione Farnesina
Portale Della Lingua Italiana

Spazi d’artista: la nuova web serie dedicata alla Collezione Farnesina

Categorie: Cultura e creatività -Arti Visive

La webserie realizzata da Artibune su dieci artisti della Collezione Farnesina che si raccontano dai loro studi

Spazi d'artista
Spazi d’artista

In occasione della Giornata del Contemporaneo, il 5 dicembre 2020 è stata inaugurata la webserieSpazi d’artista, realizzata in collaborazione con la rivista Artribune. Si tratta di dieci brevi film dedicati ad altrettanti artisti della Collezione Farnesina che raccontano il loro percorso e il rapporto con gli studi nei quali operano, secondo una prospettiva di particolare interesse in questo periodo di chiusure forzate. Il programma prevede l’uscita di un film al mese, fino a settembre 2021, sul sito e sui canali social di Artribune e del Ministero degli Affari Esteri.

Il primo film è dedicato a Luca Pozzi, artista che opera nel campo delle nuove tecnologie e si interroga sul rapporto tra arte e ricerca scientifica. In Collezione Farnesina, è presente l’opera “Detector n. 1” (2015).

Protagonista del secondo film è Bruno Ceccobelli che, nel corso della sua carriera, si è interessato di teosofia, alchimia e filosofie orientali, alla ricerca di un’arte dal forte valore simbolico. In Collezione Farnesina sono presenti “In sogno veritas“(1991) e “A spasso con la Natura” (1999).

Il terzo è dedicato a Giuseppe Pietroniro, artista che lavora sulla manipolazione sistematica della materia, della prospettiva e delle immagini. In Collezione Farnesina è presente la sua opera “Interno Zacheta, National Gallery of Art Varsavia” (2007), parte di una serie dedicata alla rappresentazione fotografica dei musei senza visitatori.

Il quarto è dedicato a Alice Pasquini, celebre street artist romana attiva in tutto il mondo. Pasquini è anche illustratrice e scenografa: le sue opere nascono dal contrasto tra immagini intime e i contesti urbani più diversi. In Collezione Farnesina è presente How far, how near”, opera realizzata nel 2019 appositamente per il MAECI.

Il quinto è dedicato a Pietro Ruffo, artista che riflette sulle complesse stratificazioni della società contemporanea servendosi di materiali umili, come carta e legno, che pongono in risalto il carattere manuale e “umile” dell’arte. In Collezione Farnesina sono presenti Atlas Riot’s II” (2013) e Migration Globe V” (2017).

Il sesto episodio è dedicato a Davide Monaldi, che recupera la tradizione italiana della ceramica e se ne serve per raccontare in modo giocoso il suo universo privato. Con grande perizia tecnica, Monaldi realizza opere intime che rappresentano oggetti del quotidiano, come chiavi o elastici, oppure figure umane dall’aria malinconica e trasognata. In Collezione Farnesina è presente “Staring girl (2012). 

Il settimo episodio vede, invece, protagonista Emanuela Fiorelli.  A partire dall’uso di fili, sia in cotone che in materiali elastici, Fiorelli ha elaborato uno stile personalissimo: l’artista costruisce strutture dinamiche e labirintiche che entrano in dialogo con lo spettatore e si trasformano al variare del punto di vista. In questo modo, Fiorelli crea oggetti che sono al contempo espressione della sua intimità e strumento di relazione con il mondo circostante. In Collezione Farnesina è presente Sguardo spostato” (2008).

Si tratta di un modo per scoprire, in un periodo in cui mostre ed esibizioni sono sospese o fortemente limitate, i protagonisti del panorama artistico italiano contemporaneo che, nella sua vivacità e vitalità, testimonia il ruolo sempre centrale dell’Italia nella scena culturale internazionale.

Al centro dell’ottavo episodio c’è il duo Vedovamazzei, costituito da Stella Scala e Simeone Crispino e attivo dal 1990. Il lavoro dei due artisti si caratterizza per un’estrema varietà di mezzi espressivi. Le opere vanno da piccoli schizzi su carta a lavori ambientali molto grandi. La loro produzione ruota attorno alla reinterpretazione del quotidiano. Attraverso il dialogo talvolta difficile tra i loro punti di vista, Scala e Crispino propongono esperienze stranianti, ironiche, inquiete, che fanno emergere significati nascosti dagli oggetti ritratti.
In Collezione Farnesina è presente “Wood and Wood” (2007)

Maggiori informazioni su collezionefarnesina.esteri.it e su www.artribune.com

Gallery

Video

Per saperne di più...

Ti potrebbe interessare anche...

Naviga tra gli articoli