Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Intestazione navigazione sito

Online la mostra virtuale "Pinocchio nel mondo: traduzioni in immagini"
Portale Della Lingua Italiana

Online la mostra virtuale “Pinocchio nel mondo: traduzioni in immagini”

Categorie: Non categorizzato -Lingua e formazione -Editoria e Letteratura

Per la prima volta, una mostra virtuale riunisce alcune fra le più belle e originali copertine di Pinocchio, il libro italiano più tradotto al mondo.

Edizione in neogreco, Atene, 2017
Edizione in neogreco, Atene, 2017

A partire dal 4 maggio 2022 è disponibile sul portale newitalianbooks la prima esposizione virtuale di traduzioni di Pinocchio. Curata da Mario Casari, docente all’Università “La Sapienza” di Roma, la mostra presenta un’ampia scelta di copertine del libro italiano più tradotto del mondo.

Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi è il libro più tradotto della letteratura mondiale. Di Pinocchio esistono decine e decine di traduzioni differenti in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, per citare le più diffuse lingue europee; ma anche oltre trenta in cinese, oltre venti in russo, almeno quindici in persiano – per non fare che alcuni esempi di lingue più ricercate.

Di questo percorso immenso, la mostra “Pinocchio nel mondo: traduzioni in immagini” rappresenta una selezione inevitabilmente parziale, ma che restituisce, oltre a un prospetto cronologico che non ha praticamente avuto interruzioni a partire dalla prima traduzione straniera fino ad oggi, anche una colorata panoramica della grande varietà di approcci a questo testo caleidoscopico, assorbito nei diversi paesi e nelle diverse lingue via via come novella per ragazzi, come burattinata, come viaggio di formazione, come canto picaresco, come romanzo sociale…

Dal bulgaro al lituano, dal malgascio allo swahili, dal latino al triestino, l’esposizione attraversa una cinquantina di lingue diverse, mostrando come un libro tradotto non sia solo un libro “riscritto in un nuova lingua”, ma divenga un “oggetto letterario” diverso dall’originale grazie alla sua collocazione editoriale e alla sua nuova veste grafica.

Maggiori informazioni su: www.newitalianbooks.it

Naviga tra gli articoli