Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Intestazione navigazione sito

Ad Amburgo la filosofia di Chiara Stefanoni sul tema della "questione animale"
Portale Della Lingua Italiana

Ad Amburgo la filosofia di Chiara Stefanoni sul tema della “questione animale”

Categorie: Storia e attualità -Cultura e creatività -Editoria e Letteratura
La riflessione filosofica italiana e il suo approccio originale al tema del rapporto tra uomo e animale.
Chiara Stefanoni © Pietro Cappelletti
Chiara Stefanoni © Pietro Cappelletti

L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo presenta il 27 aprile un incontro filosofico con Chiara Stefanoni organizzato dalla Leuphana Universität di Lüneburg  nella cornice del ciclo “Scrittori in Biblioteca”.  

La Dott.ssa Chiara Stefanoni introduce, con la moderazione di Benedetta Milani, la riflessione sulla “questione animale” all’interno del dibattito filosofico italiano contemporaneo.

La questione animale tematizza la problematica del rapporto umano-animale dal punto di vista del suo essere fondamentale per il pensiero, per l’etica e la società.

Questo rapporto viene colto al di fuori di un dualismo, che costringe la comprensione dell’umano e dell’animale all’interno di cornici rigide, gerarchiche e violente. La riflessione filosofica italiana ha sviluppato un approccio originale al problema, che la differenzia da altri approcci, tra cui quello anglosassone, posizionando il pensiero italiano al centro del dibattito contemporaneo.

La relatrice traccia un percorso che attraversa le voci più attive di questo filone di pensiero peculiarmente italiano, muovendosi tra autori come Giorgio Agamben, Roberto Esposito e Rosi Braidotti.

Chiara Stefanoni, nata a Lecco nel 1992, è docente ospite presso l’Università Leuphana di Lüneburg e cultrice di materia in filosofia morale all’Università degli Studi di Bergamo, dove ha anche conseguito il dottorato con una tesi sull’oppressione animale in rapporto al capitalismo. È stata ricercatrice ospite presso il Centre for Animal Ethics dell’Università Pompeu Fabra di Barcellona. È autrice della monografia “Nient’altro che vulnerabilità. Sacrificio, Uguaglianza e antispecismo” (2020) e fa parte del comitato di redazione della rivista italiana di critica antispecista “Liberazioni”.

Benedetta Milani, nata a Lecco nel 1993, è dottoranda presso l’Universität Leuphana di Lüneburg, dove svolge ricerca sui temi del mondo digitale. Si è laureata in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi su Aby Warburg ed Ernst Cassirer.

Maggiori informazioni su: iicamburgo.esteri.it.

Ti potrebbe interessare anche...

Naviga tra gli articoli